zoom
Comune di Tavagnacco

Piazza Indipendenza 1 - 33010 Feletto Umb. - tel: 0432/577311 - fax: 0432/570196

Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Strumenti personali

Domande frequenti

Ultimo aggiornamento 1 aprile 2015

 

 

ACCESSO CARRAIO

Quali sono gli adempimenti da osservare per realizzare e/o spostare un accesso carraio?

È necessario presentare una domanda di autorizzazione per apertura/modifica accesso carraio al protocollo del Comune (per autorizzare il passaggio ai sensi del Codice della Strada). L’autorizzazione per accesso su strada va richiesta unicamente quando l’accesso all’area privata avviene direttamente dallo spazio pubblico.

Quali sono gli adempimenti per regolarizzare un accesso carraio già esistente?

Qualora il passo carrabile risulti già esistente alla data del 31.12.1992, è necessario presentare una domanda di regolarizzazione al protocollo del Comune. 

La documentazione necessaria è disponibile nel sito internet del Comune di Tavagnacco: http://www.comune.tavagnacco.ud.it/territorio/urbanistica/modulistica/Modulistica_2013

torna su

AGEVOLAZIONI FISCALI

A chi ci si deve rivolgere per richiedere l’agevolazione fiscale prevista dalla normativa vigente, nel caso di interventi edilizi eseguiti su edificio?

In materia di agevolazione fiscale non è competente il Comune, bensì il Ministero delle Finanze – sito internet: www.finanze.gov.it

torna su

AGIBILITÀ

Cosa si deve fare per verificare se un fabbricato è agibile?

E' possibile effettuare la verifica presso lo sportello dell’Area Tecnica Urbanistica ed Edilizia Privata - accesso atti e ricerche - negli orari di apertura al pubblico. Per effettuare la ricerca, l’interessato dovrà fornire: nominativo dell'intestatario dell'immobile all'epoca della costruzione, anno di edificazione, dati catastali.

torna su

ARREDI DA  GIARDINO-TERRAZZA

Cosa si deve fare per installare elementi di arredo da terrazza-giardino (es. caminetti per barbecue, gazebi stagionali, pergolati ecc.)?

Per installare tali elementi di arredo ed ornamento, che non comportano volumetria, non è necessario alcun adempimento, trattandosi di attività edilizia libera, fatto salvo l’eventuale rispetto delle leggi di settore (in materia statica/antisismica/sicurezza stradale/paesaggio).

torna su

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

Quale documentazione è necessario produrre per richiedere l’autorizzazione paesaggistica?

La documentazione necessaria è disponibile nel sito internet del Comune di Tavagnacco: www.comune.tavagnacco.ud.it/Territorio/Urbansitica-Edilizia/Autorizzazione Paesaggistica/Soprintendenza BAP…Documentazione a corredo delle richieste di Parere.

torna su

CALDAIA

Per sostituire e/o installare una caldaia, ai fini del risparmio energetico, quali sono gli adempimenti che si devono osservare?

Qualora si sostituisca la caldaia o qualora la stessa integri l’impianto di riscaldamento, non è necessario alcun adempimento, trattandosi di intervento soggetto ad attività edilizia libera.

Se si configura quale nuovo impianto tecnologico, è necessario presentare una Comunicazione di inizio dei lavori con allegata relazione tecnica asseverata ed eventuale elaborato grafico esplicativo.

torna su

CAMBIO D’USO

Cosa si considera per cambio di destinazione d’uso?

Il cambio di destinazione d’uso consiste nell’adibire un’unità immobiliare o sua parte (per più del 25% della superficie utile dell’unità stessa) ad un utilizzo diverso fra le categorie urbanisticamente rilevanti (residenziale, servizi, ricettivo-complementare, direzionale, commerciale, artigianale, etc), rispetto a quella risultante dalla licenza, concessione edilizia, permesso di costruire ecc. più recente.

Quali sono gli adempimenti per il cambio di destinazione d’uso di un fabbricato o di parte di fabbricato senza opere?

Per il cambio di destinazione d'uso degli immobili in altra consentita dallo strumento urbanistico comunale, senza esecuzione di opere edilizie, è necessario presentare una Comunicazione di inizio dei lavori con allegata relazione tecnica asseverata ed eventuale elaborato grafico esplicativo; il mutamento è assoggettato al conguaglio del contributo di costruzione, se dovuto.

torna su

CANNE FUMARIE/TORRETTE DA CAMINI/CORNICIONI/SPORTI DI LINDA

Quali sono gli adempimenti da osservare per realizzare cornicioni o sporti di linda, canne fumarie e torrette da camino?

Non è necessario alcun adempimento, trattandosi di intervento soggetto ad attività edilizia libera.

Nelle zone A va rispettato l’ABACO DELLE TORRETTE DA CAMINO riportato nella TAV.13 del Piano Attuativo e le disposizioni normative specifiche di ogni sub-zona.

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico va verificata la necessità di acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica.

torna su

CAPPOTTO / COIBENTAZIONE

Quali sono gli adempimenti da osservare per realizzare una coibentazione esterna (“cappotto”) ad un edificio?

È necessario presentare una Comunicazione di inizio dei lavori con allegata relazione tecnica asseverata ed eventuale elaborato grafico esplicativo.

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico va verificata la necessità di acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica.

torna su

CASETTA IN LEGNO/DEPOSITO ATTREZZI

Cosa si deve fare per istallare una casetta in legno nel giardino?

Per la realizzazione di pertinenze di edifici o unita' immobiliari esistenti che comportino volumetria:

  • nei limiti del 10 per cento del volume utile dell'edificio o dell'unita' immobiliare esistenti se a destinazione residenziale (ma comunque non superiore a 100 metri cubi rispetto alla volumetria utile della costruzione originaria), è necessario presentare una Comunicazione di inizio dei lavori con allegata relazione tecnica asseverata ed eventuale elaborato grafico esplicativo.
  • nei limiti del 20% del volume utile dell'edificio o dell'unita' immobiliare esistente se a destinazione residenziale, è necessario presentare una SCIA.

E’ fatto comunque salvo l’eventuale rispetto delle leggi di settore (in materia statica/antisismica/sicurezza stradale/paesaggio).

torna su

CONDIZIONATORE / CLIMATIZZATORE

Per installare un condizionatore/climatizzatore quali sono gli adempimenti che si devono osservare?

Qualora integri l’impianto di riscaldamento, non è necessario alcun adempimento, trattandosi di intervento soggetto ad attività edilizia libera.

Se nuovo impianto tecnologico, è necessario presentare una Comunicazione di inizio dei lavori con allegata relazione tecnica asseverata ed eventuale elaborato grafico esplicativo.

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico va verificata la necessità di acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica.

Quali caratteristiche devono avere le apparecchiature tecniche esterne di questi impianti?

È vietato installare apparecchi di climatizzazione a vista sul fronte principale dell’edificio direttamente prospiciente spazi pubblici, salvo opportuno occultamento. Sugli altri fronti devono inserirsi armonicamente nella facciata interessata e, possibilmente, sfruttare elementi strutturali o architettonici in modo da ridurre l’impatto visivo. Comunque collocati, gli impianti non devono recare disturbo al vicinato. Nel caso di edifici plurialloggio l’installazione dei gruppi refrigeranti sui prospetti esterni degli edifici sarà ammessa sulla base di un progetto unitario esteso all’intero corpo di fabbrica e non limitato alle singole unità immobiliari.

Al fine di garantire adeguati livelli di benessere uditivo dovranno infine essere adottati tutti gli opportuni interventi atti a contenere il livello sonoro causato dal funzionamento degli impianti tecnologici dell’edificio, a norma delle leggi vigenti.

torna su

DEROGA DELLE DISTANZE DAI CONFINI

E’ possibile derogare la distanza minima dal confine di proprietà con l’assenso del vicino?

Entro le zone residenziali, è consentito solo realizzare a confine manufatti con altezza massima alla linea di gronda pari a ml 3 previa costituzione di servitù intesa quale atto notarile pubblico, regolarmente registrato e trascritto.

torna su

FINE LAVORI

E’ sempre necessario comunicare la data di fine lavori nel caso di opere edilizie presentate con Comunicazione di inizio dei lavori o Segnalazione certificata di inizio attività?

Per la Segnalazione certificata di inizio attività è obbligatorio comunicare la data di fine lavori.

torna su

IMPALCATURE

Per installare impalcature ad uso cantiere su area pubblica, cosa si deve fare?

E’ necessario presentare richiesta di occupazione temporanea di spazio pubblico per uso cantiere al protocollo del Comune.

torna su

IMPRESA ESECUTRICE DEI LAVORI

Nel caso di presentazione di Segnalazione Certificata di Inizio Attività o Denuncia di Inizio Attività si deve obbligatoriamente indicare l’impresa esecutrice dei lavori?

Sì. Il committente o il responsabile dei lavori ha inoltre l’obbligo di osservare quanto prescritto dalla normativa vigente in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, ai sensi del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.

Può essere indicato “opere eseguite in economia”?

Sì, solo per opere di modesta entità.

torna su

INSEGNE PUBBLICITARIE E SIMILI

Quali sono gli adempimenti da osservare per installare insegne pubblicitarie e simili?

L'installazione di insegne e mezzi pubblicitari in genere è disciplinata dal punto 10 del Regolamento edilizio Comunale recante "Regolamento per il controllo estetico delle forme pubblicitarie”. La documentazione necessaria è elencata nel sito internet del Comune di Tavagnacco: http://www.comune.tavagnacco.ud.it/territorio/urbanistica/modulistica/Modulistica_2013

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico è necessario acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica.

torna su

INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA

Quali sono gli adempimenti da osservare per eseguire opere di manutenzione ordinaria su un edificio?

Sono considerate manutenzione ordinaria le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti.

Possono essere eseguite senza titolo abilitativo in quanto attività edilizia libera, fatta salva la necessità di autorizzazione da parte della competente Soprintendenza qualora l’edificio sia sottoposto a vincolo architettonico - monumentale. In tal caso è necessario acquisire preventivamente l’autorizzazione della Soprintendenza.

A titolo esemplificativo, sono interventi di manutenzione ordinaria:

  • sostituzione integrale o parziale di pavimenti e relative opere di finitura e conservazione;
  • rifacimento intonaci interni e tinteggiatura;
  • opere necessarie a integrare o mantenere in efficienza i servizi igienico-sanitari e gli impianti tecnologici esistenti;
  • eliminazione, spostamento e realizzazione di aperture e pareti divisorie interne che non costituiscano elementi costitutivi dell'edificio e che non riguardino le parti strutturali dell'edificio;
  • tinteggiature e rivestimenti di prospetti esterni;
  • riparazione, rinnovamento e sostituzione infissi esterni e serramenti,
  • rifacimento pavimentazioni esterne e manti di copertura;
  • sostituzione di tegole ed altre parti accessorie deteriorate per lo smaltimento delle acque, rinnovo delle impermeabilizzazioni;
  • riparazioni balconi e terrazze e relative pavimentazioni;

torna su

INTERVENTI SOGGETTI A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI

Quali sono gli interventi soggetti a preventiva comunicazione di inizio lavori?

A titolo esemplificativo, gli interventi edilizi per i quali è necessario presentare una comunicazione prima di iniziare l’attività edilizia, sono:

  • interventi di manutenzione straordinaria privi di rilevanza strutturale ai sensi delle leggi di settore (tutte le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti strutturali degli edifici, le opere per lo spostamento, l’apertura o la soppressione di fori esterni, nonchè per realizzare i servizi igienico-sanitari e gli impianti tecnologici, sempre che non alterino i volumi utili delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d’uso e aumento del numero delle unità immobiliari esistenti);
  • mutamenti di destinazione d'uso degli immobili attuati senza esecuzione di opere edilizie in altra consentita dallo strumento urbanistico comunale;
  • realizzazione di tettoie o pavimentazione di aree pertinenziali degli edifici o unita' immobiliari esistenti, anche destinate a parcheggio, che comportino un'occupazione complessiva massima di 20 metri quadrati rispettivamente di superficie coperta o di superficie utile per unita' immobiliare;
  • realizzazione di pertinenze di edifici o unita' immobiliari esistenti che comportino volumetria, bussole, verande, costruzioni a uso garage, serre e depositi attrezzi e simili, nei limiti del 10 per cento del volume utile dell'edificio o dell'unita' immobiliare esistenti, se a destinazione residenziale, o nei limiti del 5 per cento della superficie utile dell'edificio o dell'unita' immobiliare esistenti se a uso diverso dalla residenza; tali interventi non possono comunque comportare un aumento superiore a 100 metri cubi della volumetria utile della costruzione originaria;
  • interventi per il risparmio energetico su edifici o unita' immobiliari esistenti anche se comportano limitate modifiche volumetriche di cui all' articolo 37 , nel rispetto della legge regionale 23/2005;
  • installazione di impianti solari termici o fotovoltaici aderenti o integrati nei tetti degli edifici con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento della falda, senza serbatoi di accumulo esterni o i cui componenti non modifichino la sagoma degli edifici stessi e la superficie dell'impianto non sia superiore a quella del tetto stesso; installazione di singoli generatori eolici con altezza complessiva non superiore a 1,5 metri e diametro non superiore a 1 metro, purche' non ricadenti in zona A e B0 o singoli edifici a esse equiparati, come individuate dagli strumenti;
  • realizzazione di volumi tecnici che si rendano indispensabili a seguito dell'installazione di impianti tecnologici necessari per le esigenze degli edifici esistenti e che non alterino la sagoma dell'edificio;

Qualora l’intervento di manutenzione straordinaria preveda la realizzazione di nuovo servizi igienico-sanitari è necessario ottenere preventivamente l’autorizzazione all’allacciamento e scarico.

Qualora l’intervento interessi un edificio sottoposto a vincolo storico - monumentale, è necessario allegare alla comunicazione preventiva, l’autorizzazione della Soprintendenza, rilasciata ai sensi dell’art. 21 del D. Lgs. n. 42/2004.

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico e modifichi l’aspetto esteriore dell’edificio, è necessario acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica.

torna su

PIANO CASA

Cosa si intende per Piano Casa?

Il Piano Casa è una misura straordinaria prevista dalla legge regionale per la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, che si attua attraverso interventi edilizi che possono essere realizzati anche in deroga alle distanze, alle altezze, alle superfici ed ai volumi previsti dagli strumenti urbanistici. E’ soggetto alla richiesta di Permesso di Costruire.

torna su

PROGETTISTA / DIRETTORE LAVORI

Cosa si deve fare per sostituire il progettista?

L’interessato deve comunicare il nominativo del nuovo tecnico incaricato, allegando la liberatoria del precedente progettista e l’accettazione formale di incarico timbrata e firmata dal nuovo progettista.

Cosa si deve fare per sostituire il direttore dei lavori?

L’interessato deve comunicare la revoca del direttore lavori, con specifica della data, allegando accettazione formale di incarico timbrata e firmata dal nuovo tecnico. Sino a nomina del nuovo direttore lavori i lavori devono essere sospesi.

torna su

RECINZIONI

Quali sono gli adempimenti da osservare per realizzare e/o modificare una recinzione?

Per recinzioni, muri di cinta e cancellate a chiusura di fondi privati, purche' non ricadenti in zona A e B0 o singoli edifici ad esse equiparati o che non interessino la fascia di rispetto della viabilita' pubblica o aperta al pubblico e per le recinzioni utilizzate in zona agricola per il pascolo degli animali non stabilmente ancorate al terreno, non è necessario alcun adempimento.

Le recinzioni, muri di cinta e cancellate a chiusura di fondi privati ricadenti in zona A e B0 o singoli edifici ad esse equiparati o che interessino la fascia di rispetto della viabilita' pubblica o aperta al pubblico sono realizzabili mediante segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico è necessario acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica

torna su

SUDDIVISIONI / ACCORPAMENTI UNITA’ IMMOBILIARI

Cosa si deve fare per accorpare 2 unità immobiliari?

L’accorpamento di unità immobiliari, aventi la stessa destinazione d’uso, può essere eseguita mediante segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).

Cosa si deve fare per suddividere un’unità immobiliare?

La suddivisione di un’unità immobiliare è soggetta a richiesta di Permesso di Costruire.

torna su

TENDE

Quali sono gli adempimenti da osservare per installare una tenda?

Qualora la collocazione interessi un alloggio residenziale, non è necessario alcun adempimento, trattandosi di attività edilizia libera.

Qualora la collocazione interessi un pubblico esercizio o un’attività produttiva, è necessario l’inoltro della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico è necessario acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica

torna su

TINTEGGIATURA ESTERNA

Per eseguire una tinteggiatura esterna, cosa si deve fare?

Non è necessario alcun adempimento trattandosi di intervento di manutenzione ordinaria soggetto ad attività edilizia libera.

Nelle zone A va rispettato l’ABACO DELLE TINTEGGIATURE ESTERNE riportato all’Allegato 1 delle Norme di attuazione del Piano Attuativo.

La tinteggiatura di edifici sottoposti a vincolo monumentale va concordata con la Soprintendenza per i Beni Architettonici ai sensi del D. Lgs.  22 gennaio 2004, n. 42.

Qualora l’intervento ricada in ambito di vincolo paesaggistico e venga modificato il colore dell’edificio, è necessario acquisire preventivamente l’autorizzazione paesaggistica.

torna su