zoom
Comune di Tavagnacco

Piazza Indipendenza 1 - 33010 Feletto Umb. - tel: 0432/577311 - 0432/1698911 - fax: 0432/570196

Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Strumenti personali

Falsa verità 4

“Se si insegna ai bambini anche il friulano, rischiano di fare confusione con altre lingue.”

 

Un’affermazione del genere non ha nessuna base scientifica, ma è semplicemente frutto di ignoranza e pregiudizio. C’è stato un periodo in cui i genitori venivano intimiditi con queste dichiarazioni affinché non parlassero in friulano con i propri figli. Oggi chiameremmo tale comportamento “terrorismo psicologico” ed è proprio oggi che ci troviamo di fronte ai risultati di questa azione: giovani che parlano solo in italiano, ma che avrebbero desiderato apprendere anche la propria lingua. Sono proprio questi giovani che, anche nei sondaggi più recenti, desiderano che il friulano sia insegnato a scuola, affinché i loro figli non si trovino nella loro stessa situazione. Il bambino bilingue (è ciò vale qualsiasi siano le lingue di riferimento, non solo nel caso del friulano) può avere alcuni problemi all’inizio perché si trova a dovere analizzare ed immagazzinare una mole di informazioni decisamente superiore rispetto ad un bambino monolingue. Tuttavia, il cervello, soprattutto quello dei bambini, non presenta problemi di saturazione, per questo, poi, il bambino plurilingue sviluppa una maggiore capacità di apprendere altre lingue (gli sarà quindi più semplice, per esempio, imparare anche l’inglese) e di confrontarsi con altre realtà. Il plurilinguismo è una risorsa per i nostri figli, un aiuto per il loro futuro. Chi vorrebbe per il proprio figlio di meno, quando può avere di più?